Home » Medicina » Interazioni : conoscerle ti salva la vita!

Interazioni : conoscerle ti salva la vita!

Buongiorno a tutti, amici che mi seguite abitualmente,  oggi voglio parlarvi delle interazioni tra alimenti o piante comunemente utilizzate e  farmaci.    La non conoscenza di alcune semplici regole può avere effetti collaterali gravi, a volte mortali. 

Pompelmo

interazioni farmaci alimentiMolti di noi hanno l’abitudine di iniziare la giornata con una colazione a base di frutta, e uno degli alimenti presente in tavola è molto spesso una spremuta di pompelmo.

Il  pompelmo,un agrume ricco di vitamina C, sali minerali e antiossidanti  è molto utile nei regimi dimagranti .                       Ha pochissime calorie, ed è molto utilizzato durante le diete dimagranti grazie alla presenza della sinefrina, una sostanza con proprietà anoressizzanti, (riduce il senso di fame).

Le proprietà dimagranti della sinefrina derivano anche dal suo effetto termogetico      (fa aumentare la produzione di calore corporeo con conseguente  aumento del consumo di calorie) e lipolitico (maggior utilizzo dei grassi a scopo energetico).
C’è però un aspetto negativo, ed è di questo che voglio parlarvi .

Oggi il numero di farmaci che possono interagire in modo avverso con il pompelmo è molto elevato, se ne contano più di 80, ed ogni anno il numero aumenta.     Questo perché il pompelmo contiene delle sostanze  che incrementano l’assorbimento di molti farmaci con il rischio di andare incontro ad una overdose .   In particolare si è visto che le persone con più di 45 anni  hanno una maggiore probabilità di subirne le conseguenze.

Per chi avesse la curiosità di sapere  perché avvengono queste interazioni, aggiungo che in questo agrume sono presenti delle sostanze chiamate furanocumarine  ( bergamottina, diidrossibergamottina e naringenina)che riducono i livelli intestinali dell’enzima             CYP 3A4 ( che è responsabile del metabolismo di circa il 50% dei farmaci disponibili).interazioni

Anche altri tipi di agrumi che sono: le arance di Siviglia, (arance amare impiegate per fare marmellate), il  mapo (un ibrido tra pompelmo e mandarancio ) e il pomelo, interferiscono analogamente al pompelmo , con il metabolismo di molti farmaci, mentre arance, limoni e mandarini possono essere tranquillamente consumati.

COSA IMPORTANTE DA RICORDARE:   Può potenziare l’effetto dei farmaci anche se consumato molte ore prima dell’assunzione dei farmaci (questo meccanismo si può mantenere per oltre 24 ore). Ovviamente non ci sono differenze sia che se ne mangi il frutto o si beva come succo o spremuta, e neppure il colore è importante, giallo o rosa , l’effetto è identico.

Ora vorrete sapere quali sono questi farmaci.  E’ importante ricordare che le interazioni tra pompelmo e farmaci, si manifestano soltanto con farmaci usati per bocca, che vengono assorbiti nel piccolo intestino.                                                                                                       Vi riporto i principali:                                                                                                                              Alcuni cardiovascolari, (antiaritmici,  calcio antagonisti)

Anticoagulanti.

Contraccettivi orali  ed estrogeni (aumentato rischio di trombosi)

Alcuni farmaci per il colesterolo (statine).

Antitumorali

Immunosoppressori (farmaci antirigetto nei soggetti trapiantati)

Anti-retrovirali (trattamento HIV)

Farmaci per il Sistema Nervoso , ad es antidepressivi come la Sertralina, 

Farmaci antiinfettivi

Farmaci per vie urinarie e prostata

Alcuni antistaminici,

interazioni

e , non ultimo il Sildenafil (quella pastiglietta blu che fa felice tanti maschietti…)

 

Iperico

Altra pianta molto valida e quindi molto usata è l’Iperico (erba di San Giovanni).                 Le sue proprietà rasserenanti erano già conosciute nell’antichità, ed anche la medicina ufficiale ha riconosciuto i suoi effetti antidepressivi. Quest’erba non possiede gli effetti anticolinergici degli antidepressivi triciclici né causa le disfunzioni sessuali associate all’uso degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina(una categoria di farmaci antidepressivi).   Per uso esterno è un ottimo antiinfiammatorio della pelle anche in casi di ustioni, con effetti antidolorifici paragonabili a quelli dei farmaci anestetici.

St John's-wort, PerforateAnche questa pianta interagisce con i farmaci, e tali interazioni sono numerose e potenzialmente molto gravi.

Il suo meccanismo di azione è di induzione di molti isoenzimi del citocromo P450. Il citocromo P450, per semplificare, si può definire come una grande famiglia di enzimi che metabolizzano i farmaci.          Aumentandone l’attività provoca la diminuzione della concentrazione nel sangue di molti farmaci.                                 Ecco un elenco dei principali farmaci:

Contraccettivi orali (in questo caso durante il trattamento con iperico devono essere adottate altre precauzioni per evitare gravidanze indesiderate.)

Immunosoppressori (Ciclosporina)

Glicosidi cardiaci

Anticoagulanti (Warfarin)

Chemoterapici

Farmci anti HIV

In alcuni casi ne potenzia l’effetto come nel caso dei farmaci antidepressivi, avendo già di per sé un effetto antidepressivo. Quindi è assolutamente sconsigliato l’impiego contemporaneo con i farmaci antidepressivi SSRI perché si possono avere  effetti di addizione e superamento della dose tossica.

Altra cosa importante da ricordare è che ha  un’azione foto sensibilizzante della cute particolarmente in soggetti con pelle, capelli e occhi chiari. Può quindi dare reazioni come arrossamento, eritemi, bruciore e prurito  sulle parti esposte ai raggi UV.

Ovviamente si deve evitare l’uso in gravidanza in quanto stimola le contrazioni uterine, e in allattamento, ma in queste situazioni le donne non devono assumere nessun tipo di integratore.

CONCLUSIONI

Se posso darti un consiglio, non assumere di tua iniziativa nessun integratore, specialmente se sei già in cura con altri farmaci.

Il tuo medico non ha la sfera di cristallo, quindi quando ti deve prescrivere dei farmaci fagli un elenco anche degli integratori che stai prendendo, sarà poi lui a dirti se sospenderli o continuare ad assumerli.

Mi farebbe molto piacere interagire con te, sapere se hai trovato di tuo gradimento questo articolo, e soprattutto se c’è qualche argomento che ti piacerebbe vedere approfondito. Lascia il tuo commento nel form che trovi qui sotto, e se hai qualche domanda particolare scrivimi, ed io ti risponderò sicuramente.

1Nome

 

 

 

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

button-363

Condividi se ti è piaciuto...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Comments are closed.